normative e leggi

biciclette elettriche leggi regolamento normative codice strada

La normative per quanto riguarda la circolazione sulle strade pubbliche delle biciclette elettriche si riferisce alla direttiva europea 2002/24/CE (articolo 1, punto h) definisce la bicicletta a pedalata assistita come una bicicletta dotata di motore elettrico ausiliario e con le seguenti caratteristiche:

  • potenza nominale massima continua del motore elettrico: 0,25 kW
  • alimentazione del motore progressivamente ridotta e quindi interrotta al raggiungimento dei 25 km/h
  • alimentazione del motore interrotta prima dei 25 km/h se il ciclista smette di pedalare

Ai veicoli che soddisfano questa direttiva non viene richiesta l’omologazione e sono considerati a tutti gli effetti come le biciclette tradizionali. Veicoli invece che non soddisfano contemporaneamente questi requisiti non possono essere considerati biciclette e devono essere quindi omologati e immatricolati. Questa direttiva è stata recepita in Italia con il decreto 31 gennaio 2003 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è pertanto in vigore.  L’art 24.   (che modifica l’articolo 50 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,   e che si riferisce al nuovo codice della strada) riporta al comma 1 quanto   segue:   “1. I velocipedi sono i veicoli con due ruote o piu’ ruote funzionanti a   propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi   dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono   altresi’ considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate   di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima   di 0,25 KW la cui alimentazione e’ progressivamente ridotta ed infine   interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista   smette di pedalare.

 

Leave a Reply

*

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.