Biciclette elettriche o Ciclomotore elettrico camuffato ecco cosa si rischia!

Tra Bicicletta Elettrica anche denominata Bicicletta a pedalata assistita o ciclomotore elettrico Camuffato la differenza può essere molto sottile, ecco come riconoscerla prima di acquistarla e quanto si rischia se non si é in regola!

 

Cari Cicloamici facciamo chiarezza subito!  per capire immediatamente la differenza tra bici a pedalata assistita basta fare un primo test immediato:

LA BICICLETTA SI MUOVE ANCHE SENZA LA PEDALATA ?


Se la risposta è positiva, se cioè il moto della bici non è legato a quello delle gambe, non siamo in sella ad una velocipede a pedalata assistita ma a un ciclomotre elettrico.

E per guidare un ciclomotore (anche elettrico) è necessario rispettare formalità specifiche, quali ad esempio patente, casco, targa e copertura assicurativa: è legittimo chiedersi infatti cosa succederebbe nel caso di un incidente stradale e se l’assicurazione coprirebbe gli eventuali danni..

L’argomento è di attualità a seguito di molteplici controlli in tutta italia della Polizia del sequestro di centinaia di modelli senza targa, assicurazione e relativo casco casco obbligatorio…

Lo scooter elettrico travestito da bicicletta aggira le norme del codice della strada grazie ad un meccanismo che aziona diversamente il motorino elettrico, che fornisce la spinta indipendentemente dalla pedalata: questa variazione comporta il riferimento ad una diversa norma del Codice della Strada, che non fa sconti ai responsabili, anche se ignari.

Per l’art.50 del codice della strada é chiarissimo

“I velocipedi sono veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”.
 
freccia  Pedalata assistita
Questa tipologia di bicicletta mantiene la caratteristica di velocipede, ha un motore elettrico (di potenza max di 250 w) che non sostituisce il lavoro delle gambe ma le aiuta a fare meno fatica (assiste appunto chi pedala).
Il motorino ha quindi una funzione ausiliaria e non deve essere in funzione quando non si pedala, poiché serve solo a ridurre lo sforzo di chi pedala.  Se si smette di pedalare o se il veicolo raggiunge i 25 Km/h il motore si ferma.
È possibile inoltre anche disattivare il motorino e utilizzare il veicolo come una semplice bici.
La bicicletta elettrica, per restare bicicletta, deve corrispondere ai requisiti della Direttiva Europea 2002/24/CE del 18.3.2002 adottata dal Ministero dei Trasporti con DM 31.1.2004.
freccia  Bicicletta a motore = scooter
Ha anch’essa un motorino elettrico che però funziona autonomamente ed indipendentemente dal fatto che si pedali o meno. Un vero e proprio acceleratore attiva il motore che funziona anche se non si pedala. Come potenza non deve rispettare il vincolo dei 250 w previsto per il precedente tipo di bici. Da notare che è considerata bicicletta a motore anche se il motore funziona sia come quello della bicicletta a pedalata assistita sia come motorino autonomo. L’impiego di tali biciclette è consentito solo all’interno di aree private, come ad esempio aree interne a capannoni industriali, parchi e giardini privati, saloni fiera, ecc. sono quindi escluse le vie di pubblico accesso e ove si dispiega la normale circolazione stradale, se sprovvisti della dotazione prevista per i ciclomotori (casco, assicurazione etc).
 
freccia giu
Differenze per il codice della strada
Per guidare i due mezzi illustrati sono richiesti diversi requisiti:
  • per la bicicletta a pedalata assistita non sono richiesti particolari requisiti
  • per la scooter elettrico, che funziona anche senza pedalare, serve il cascol’assicurazione, la targa, il patentino o patente AM e il certificato di circolazione, quindi gli stessi requisiti di uno scooter.

 

attenzione Conseguenze legali
  Le sanzioni mimime per chi guida una bicicletta a motore pensando di
guidare una bicicletta elettrica possono essere:
  1. mancanza certificato di circolazione ed immatricolazione: 
    sequestro amministrativo ai fini della confisca del veicolo,
    sanzione pecuniaria euro 155,00 (art. 97 comma 7 CDS);
  2. mancata copertura assicurativa: 
    sequestro amministrativo ai fini della confisca del veicolo,
    sanzione pecuniaria euro 849,00 (art 193 commi 1 e 2 CDS);
  3. mancanza di targa: 
    fermo amministrativo del veicolo per 30 giorni,
    sanzione pecuniaria euro 77 (art. 97 comma 8 CDS);
  4. mancanza casco: 
    fermo amministrativo per 60 giorni,
    sanzione pecuniaria euro 81,00 (art. 171 commi 1, 2, 3, CDS);
  5. mancanza patente: 
    fermo amministrativo per 3 mesi,
    sanzione pecuniaria euro 5.000,00 (art. 116 comma 15 CDS).

(fonte: Codice starada – Sito Polizia Municipale di Verona)

Sono l’autore del primo blog sulle biciclette elettriche Blogger e Seo mi occupo di informazione e di marketing sul Web Carta Stampata e Radio da ben 23 anni. Rimani in contatto con Biciclette elettriche.net

Facebook   

Leave a Reply

*

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.